Le 10 grandi muraglie del mondo, a piedi nella storia

Lungo le antiche mura, dalla Croazia all’Inghilterra, dall’India all’Italia

Di Ida Bini

Great Wall of China at the Jinshanling section.

La grande muraglia cinese

PECHINO – Dalla Croazia all’Inghilterra, dall’India all’Italia lungo le antiche mura a piedi nella storia e nella cultura.

6aab6a04d8245d02e3f1de913a0b8db7_1200x700

Le imponenti mura di fango color sabbia di Ichon-Qala, la parte più antica di Khiva, nel nord del Uzbekistan

Da giugno la grande muraglia per eccellenza, quella che in Cina è lunga quasi 9mila chilometri, verrà limitata ai turisti, almeno nella sezione Badaling dove sorge il tratto murario più visitato. Edificata durante la dinastia Ming a circa 80 chilometri a nordovest di Pechino, è una delle attrazioni più famose e visitate al mondo; ora le autorità cinesi hanno deciso di limitare le entrate a 65mila persone al giorno e, a partire da luglio, di registrarne i nominativi attraverso l’acquisto dei biglietti online.

e1ce13d9077cf14d2503dcbf182d758e_1200x700

Il bellissimo paesaggio britannico del Vallo di Adriano

Generalmente sono quasi 10 i milioni di turisti che visitano ogni anno la Grande muraglia e che percorrono le sezioni più famose e storiche; una di queste è la suggestiva Ming, dove ci si inerpica per pendii estremamente ripidi e che si estende per 11 chilometri di lunghezza tra imponenti torri di guardia. In realtà la grande muraglia, fatta costruire dal 215 a.C. dal primo imperatore della dinastia Qin, lo stesso a cui si deve la creazione dell’imponente esercito di terracotta, è una lunghissima serie di mura, solo alcune delle quali percorribili a piedi; la muraglia è patrimonio dell’umanità e una delle sette meraviglie del mondo. Per maggiori informazioni: http://www.turismocinese.it

b11c0e55de004dcbc4ae784fecbfd19b_1200x700

Tratto coperto delle mura di Sighisoara, in Romania

Nel mondo, tuttavia, quella cinese non è l’unica grande muraglia: esistono bastioni che si possono percorrere e che attirano visitatori in cerca di leggende e di bellezza, dall’Inghilterra alla Francia, dall’India all’Uzbekistan e alla Croazia.

5c194aaa408a15eb1cda9c1d16a5d78a_1200x700

La doppia cinta muraria della città spagnola di Albarracín, in Aragona

Il Vallo di Adriano, in Inghilterra, è un serpente di pietra lungo 117 chilometri che segnò l’arresto dell’avanzata dei Romani in terra britannica nell’anno 122. Il grande muro venne innalzato dall’imperatore Adriano per difendersi dalle popolazioni scozzesi tra il fiordo di Solway, sul mare d’Irlanda, e l’attuale Wallsend, alla foce del fiume Tyne sul mare del Nord. Oggi è possibile camminare lungo il vallo, patrimonio dell’Unesco, in un itinerario ben segnalato, l’Hadrian’s Wall path, lungo 135 chilometri; una passeggiata che può durare anche una settimana attraverso vallate, colline e brughiere del sud della Scozia, nelle contee di Tyne and Wear, Northumberland e Cumbria. Si possono anche percorrere brevi tratti lungo le mura e i resti dei forti romani nascosti nel suggestivo paesaggio e attraversare borghi e piccole città come Newcastle e Brampton, dove si visitano musei e siti dedicati al Vallo. Per maggiori informazioni: http://www.english-heritage.org.uk

a6814a70a193aa48ce705755aee4ac74_1200x700

Le mura di Acrocorinto, una delle fortezze medievali più importanti della Grecia e attrazione turistica del Peloponneso

A Carcassonne, nel sud della Francia, si estende la doppia cinta muraria che per più di 3 chilometri circonda La Cité, il centro medievale della cittadina a sudovest di Tolosa. Le prime mura furono costruite durante l’epoca romana, ma nei secoli XIII e XIV vennero effettuate aggiunte con 52 torri e varie fortificazioni. Abbandonate e semidistrutte dal secolo XVII, vennero recuperate dall’architetto Viollet le Duc a metà del secolo XIX. Oggi si possono visitare le mura, i bastioni interni e il castello, Château Comtal, del XII secolo che ospita reperti archeologici e i suggestivi luoghi dove vennero girate alcune scene del film “Robin Hood”. Tutta La Cité di Carcassonne, comprese le mura, è patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Per maggiori informazioni: https://it.france.fr

c067b55b3e8f79dddb8c2a8e3a075634_1200x700

Le mura di Carcassonne, nel sud della Francia

Il forte Nahargarh, che domina la grande capitale indiana Jaipur, è un capolavoro architettonico fatto costruire sulle colline di Aravalli nel 1734 dal maharaja Sawai Jai Singh II, fondatore di Jaipur, come residenza privata e luogo di villeggiatura. Nel corso dei secoli sono stati effettuati numerosi ampliamenti che però non ne hanno alterato la struttura originale. Il forte Nahargarh, che in hindi significa “la casa delle tigri”, era protetto da imponenti mura difensive ma nel corso della sua storia non è mai stato realmente attaccato da truppe nemiche. All’interno sono presenti due suggestivi templi che si possono visitare tutti i giorni, ma il vero tesoro del forte è la spettacolare vista che regalano le sue mura sulla città indiana. Nahargarh si raggiunge solo con l’auto o il taxi, perché si trova a una ventina di chilometri dalla stazione ferroviaria e dalle fermate degli autobus. Per maggiori informazioni: http://www.tourism.rajasthan.gov.in

cec40f718248c9903554120e73f2c361_1200x700

Le panoramiche mura del forte Nahargarh, che domina la città indiana Jaipur

Le mura fortificate di Ston, in Croazia, sono le più lunghe al mondo dopo quelle cinesi; dopo un lento e attento restauro oggi è possibile percorrere tutti i suoi 5 chilometri e mezzo e camminare su una delle maggiori imprese urbanistico-militari d’Europa. La costruzione delle mura iniziò nel XIV secolo per proteggere la produzione delle saline di Ston, porto della costa meridionale croata nell’istmo che unisce la penisola di Pelješac con il continente, a circa 60 chilometri a nord di Dubrovnik. L’imponente sistema difensivo, costruito dai Ragusini dal 1333 al 1506, tagliava la penisola in due ed era rinforzato da una quarantina di torri e 5 fortezze; la roccaforte più famosa e monumentale è Bartolomeo sopra Ston con le pareti che si arrampicano vertiginosamente lungo una ripida collina. La funzione di difesa venne conservata fino all’inizio dell’Ottocento; dopo il crollo della Repubblica, le fortificazioni persero la loro importanza militare e una serie di terremoti le distrussero in molti punti. I lavori di restauro della grande muraglia iniziarono nel 2003 e terminarono nel 2009, quando finalmente vennero riaperte ai visitatori. Per maggiori informazioni: https://croatia.hr

417fa9c59c7b06a999262ea29e32efda_1200x700

Le mura fortificate di Ston, in Croazia, le più lunghe al mondo dopo quelle cinesi

La città spagnola di Albarracín, abbracciata dal fiume Guadalaviar in Aragona, ha un imponente sistema difensivo costituito da torri e tre castelli – quello principale, Andador e Doña Blanca – e una doppia cinta muraria. La prima cerchia, costruita nel secolo X, ospita l’antica città araba con l’alzcazar, ed è circondata da un muro senza torri e con una sola porta; la seconda, costruita 100 anni dopo durante la riconquista cristiana, è più imponente, rinforzata da torrioni a base quadrata e racchiude una vasta area boscosa che domina la città del nord della Spagna. Per maggiori informazioni: albarracin.es

a4ef0e12048a296d4879ee7f5631a508_1200x700

La suggestiva muraglia del forte di Fenestrelle in Val Chisone, in provincia di Torino

Ichon-Qala, la parte più antica di Khiva, nel nord del Uzbekistan, è interamente circondata da imponenti mura di fango color sabbia. Suggestive e impressionanti, le mura sono un museo a cielo aperto: si entra dalle quattro porte situate ai punti cardinali e si passeggia tra un dedalo di viuzze alla scoperta di moschee, minareti, imponenti portali, musei, fortezze e medresse fino alla torre di guardia del Khuna Ark che svetta dalle mura. Passeggiare lungo le mura di Ichon-Qala significa tornare al tempo della mitica Via della seta, di cui Khiva era un nodo strategico. Le mura, alte 8 metri e larghe 6, vennero poi distrutte dai mongoli nel secolo XIII; ricostruite nel secolo XVIII, oggi sono tra le maggiori attrattive di Khiva, assieme alle cupole verde azzurre delle moschee e del minareto di Kalta Minor. Per maggiori informazioni https://uzbekistan.travel

4d74cc1c2279e9583aff394f1937173e_1200x700

Sulla grande muraglia cinese nella sezione Badaling

Nel cuore della Transilvania, la patria di Vlad Tepes che ha ispirato il personaggio del conte Dracula, sorge la città fortificata di Sighisoara. Attorno al centro storico medievale, perfettamente conservato e dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è visibile e percorribile gran parte delle mura, innalzate per proteggere la città rumena dall’invasione tartara durante i secoli XIV e XV. Lungo la cerchia delle antiche mura si trovano ancora numerose torri e alcuni tratti coperti da un caratteristico tetto di legno. Per maggiori informazioni: http://romaniatourism.com

Eretto dal XVIII al XIX secolo in Val Chisone, in provincia di Torino, il forte di Fenestrelle è un complesso fortificato conosciuto con il nome di “grande muraglia piemontese”. La fortezza si sviluppa lungo tutto il fianco sinistro della valle ed è stata inserita tra i 100 siti storico-archeologici di rilevanza mondiale più a rischio. Progettata per proteggere il confine franco-piemontese, la fortezza non venne mai coinvolta in assedi o assalti ma fu protagonista solo di alcune schermaglie soprattutto durante la seconda guerra mondiale. Il Forte, lungo 3 chilometri e distribuito su un dislivello di 650 metri, è costituito da tre complessi fortificati: il san Carlo, il Tre Denti e il Delle Valli, uniti da un tunnel al cui interno corre la scala coperta più lunga d’Europa, con ben 4mila gradini. E’ possibile fare visite guidate nella storia e nella cultura della fortezza entrando nei palazzi e nei sotterranei, percorrendo un lungo e bellissimo tratto della scala coperta, dove si possono ammirare le casematte, le ridotte e i profili della piazzaforte, e arrivare fino a 1.400 metri d’altezza per ammirare la Garitta del Diavolo, splendido punto panoramico della valle situato al Forte Tre Denti. Inoltre d’estate, fino al 9 novembre, è possibile assistere a uno spettacolo unico con una suggestiva rievocazione in notturna dove una compagnia teatrale racconta la storia e i segreti dal 1728 ai giorni nostri della più grande fortificazione alpina d’Europa. Per scoprire date e altre informazioni: http://www.fortedifenestrelle.it

L’acropoli di Acrocorinto, l’antica potente e ricca città di Corinto, era una fortezza impenetrabile protetta da tre linee di difesa, costruite durante l’impero bizantino. Considerata una delle fortezze medievali più importanti della Grecia, oggi è un’attrazione turistica della famosa città del Peloponneso. Domina uno sperone roccioso sulle rovine del tempio di Afrodite, che divenne una chiesa e poi una moschea. Per arrivarci e camminare lungo le mura è bene portarsi scarpe comode per affrontare il terreno scosceso. Per maggiori informazioni: visitgreece.gr

Fonte: Ansa

Annunci