La Slovacchia rifiuta di riconoscere l’Islam. E non permetterà una singola moschea.

5f742e37-417c-4749-8021-8844457030a2_1200x700

La Slovacchia rifiuta di riconoscere l’Islam come una religione e non permetterà una singola moschea o un mullah nel paese. La Slovacchia è l’ultimo Stato membro dell’UE senza una sola moschea, riferisce TRT World. I precedenti tentativi di costruire moschee sono stati fermati dai politici.
Il paese non riconosce l’Islam come religione e ha solo poche migliaia di residenti musulmani.
L’Islam non deve essere insegnato nelle scuole e i 5.000 musulmani, per la maggior parte europei, che risiedono nel paese non sono ufficialmente riconosciuti. Rappresentano solo lo 0,1% della popolazione.

Nel 2007, i politici hanno cambiato le leggi del paese in modo che fossero necessarie 20.000 firme dei membri per essere riconosciuti dallo stato. Nel 2017 hanno più che raddoppiato il numero di firme necessarie.

Il fatto di non essere ufficialmente riconosciuti pone grandi difficoltà al gruppo. Tra l’altro, non gli è permesso avere capi religiosi ufficiali, condurre matrimoni musulmani o ricevere contributi finanziari dallo Stato, diritti che hanno altre 18 religioni riconosciute.

Secondo alcuni politici del Paese, l’Islam è una seria minaccia.
La Slovacchia ha usato l’assenza di moschee come argomento per non accettare migranti.
In un canale televisivo si è affermato che la Slovacchia viola le leggi sui diritti dell’UE non permettendo la costruzione di moschee.

Fonte: psnews

Annunci