Austerity per gli altri, tagli alle tasse per i tedeschi

di Alessandra Caparello

GettyImages-497846318-980x450

BERLINO (WSI) – Entra nel vivo la campagna elettorale in Germania in vista delle elezioni fissate per il prossimo 24 settembre. La cancelliera Angela Merkel e Horst Seehofer, capo della Csu, il partito gemello della Cdu bavarese, hanno varato il programma dellunione democristiana in cui fulcro centrale è l’economia e obiettivi sono da una parte una maggiore occupazione e dall’altra tagli alle tasse.

La Cdu così punta a raggiungere la piena occupazione entro il 2025 portando il tasso di disoccupazione dall’attuale 5,5% al 3 per cento. Ma è il capitolo tasse quello più corposo con la promessa firmata Angela Merkel di tagliare ben 15 miliardi di euro di imposte all’anno il tutto mentre impone agli altri paesi europei maggiore austerity.

E guardando da vicino questi tagli alle imposte nel programma della Cdu si promette di alzare la soglia per l’applicazione dell’aliquota massima sui redditi delle persone fisiche del 42 per cento passando da 54mila a 60mila euro, nonché la riduzione della tassa sulla solidarietà, quella creata in origine per ricostruire l’economia della Germania dell’est.

Nel programma dell’unione democristiana tedesca si prevede anche l’aumento degli investimenti pubblici e la costruzione di 1 milione  mezzo di nuove case fino al piano sicurezza con l’aumento di 15mila unità delle forze di polizia e l’aumento della videosorveglianza dei luoghi pubblici. Infine il capitolo rifugiati: nessun tetto agli arrivi ma introduzione di un sistema che favorisca lingresso dei lavoratori specializzati.

fonte: wallstreetitalia

Annunci