Euro, il piano della Merkel: Italia in serie B con Grecia e Portogallo

Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)

Francia in serie A sempre che Marine Le Pen non vinca le elezioni presidenziali

gettyimages-624639978-980x450

Italia, Grecia, Portogallo, Cipro e Malta in serie B. Da valutare la posizione della Spagna e della Finlandia (in profonda crisi economico-finanziaria). Francia in serie A sempre che Marine Le Pen non vinca le elezioni presidenziali (e in quel caso sarà Parigi ad andarsene).

Affaritaliani.it rivela in anteprima il piano per l’Unione europea a due velocità che stanno mettendo a punto i cristiano-democratici tedeschi in vista delle elezioni per il Bundestag che si terranno dopo l’estate. Ufficialmente Angela Merkel non lo ammetterà mai, ma a Berlino l’intenzione seria è quella di rivedere completamente l’Area dell’Euro per arrivare ad una divisa di serie A per Austria, Belgio, Estonia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Slovacchia e Slovenia.

Gli altri stati, con un punto interrogativo su Spagna e Finlandia, finiranno in serie B e cioè avranno un Euro differente, con un valore decisamente inferiore che potrebbe quindi aiutare le esportazioni. Ma c’è poco da festeggiare perché anche chi, come l’Italia, sarà in seconda fascia – stando al progetto della Cdu-Csu tedesca – dovrà comunque sottostare ai vincoli Ue e la politica monetaria verrà decisa sempre a Francoforte dalla Banca Centrale Europea.

Quella della Germania non sarà una proposta ma una sorta di ultimatum: prendere o lasciare. Accettare la doppia velocità e quindi la doppia moneta oppure fare come il Regno Unito e lasciare non solo l’Eurozona ma la stessa Unione europea.

logtwitt@FabrizioDalCol

fonte: affaritaliani

Annunci