Austria, la casa natale di Hitler sarà abbattuta

‘Una ristrutturazione architettonica approfondita è necessaria per evitare in modo permanente il riconoscimento e il simbolismo del palazzo’ 

In Austria, a Braunau am Inn, sulla riva sud del fiume Inn, vicino al confine con la Germania, c’è una piccola città affascinante. Ma porta un lascito scuro.

Non lontano dalla piazza principale c’è la strada Salzburger Vorstadt, dove si trova un edificio a tre piani in mattoni beige, con il numero civico 15. E ‘la casa dove nacque Adolf Hitler.

Il leader del partito nazista nacque il 20 aprile 1889. A quel tempo, l’edificio era una modesta pensione, dove il padre di Hitler, Alois Hitler Sr., si trovava con la moglie e la madre di Adolf, Klara Pölzl, negli anni in cui Alois Hitler era un funzionario doganale presso il vicino confine austro-tedesco. Gli Hitler vissero nel palazzo solo per poche settimane, prima che la famiglia si trasferisse a un altro indirizzo a Braunau. Quando Adolf aveva tre anni, la famiglia lascò la città. Hitler tornò solo brevemente a Braunau nel 1938, nel suo mondo di Vienna, dopo essere stata annessa alla Germania nazista.

Salzburger-Vorstadt-Hitler-1

Photo credit: Michael Kranewitter / Wikimedia

Questo edificio del 17 ° secolo, nel passato era una locanda e chiunque lo può ricordare. Tutto ciò che ha fatto, è la modifica dei proprietari. Quando Adolf Hitler divenne il leader del Partito socialista nazionale tedesco dei lavoratori, il valore della proprietà quadruplicò. L’edificio era stato acquistato dai nazisti, è stato rinnovato e trasformato in un centro culturale con una galleria e una biblioteca pubblica. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, la casa è stata restituita ai precedenti proprietari, e fino al 1965, è stata utilizzata come biblioteca pubblica.

Nel corso degli anni, questa strana attrazione è stata un luogo di pellegrinaggio per simpatizzanti nazisti e l’estrema destra. Il ministero degli interni austriaco si preoccupò per la possibilità che i neonazisti affittassero l’edificio, che nel 1972 venne occupato dagli stessi proprietari, per evitare che gli appassionati di Hitler ne entrassero. Cinque anni fa, nell’edificio il ministero austriaco gestiva un centro diurno e un laboratorio per le persone disabili. Ma il contratto di locazione si è concluso nel 2011, e da allora l’edificio è rimasto vacante.

La casa non ha marchi, ma c’è una grande lastra di granito vicino al marciapiede, che è stata posta in un angolo, nel 1989, in occasione del 100 ° anniversario della nascita di Hitler. La traduzione delle parole in inglese sulla pietra sono: “Per la pace, la libertà  e la democrazia.  Mai più il fascismo. Milioni di morti ricordano [noi]”

La pietra per il memoriale proviene dalla famosa cava presso il campo di concentramento di Mauthausen .

Il futuro della casa natale di Adolf Hitler è incerto, ma c’è stato già un annuncio qualche mese fa, che l’edificio sta per essere demolito.

Alcuni dei residenti di Braunau dovrebbero essere felici della notizia.

Secondo il vice sindaco di Braunau Christian Schilcher alla BBC “La gente non ne può più”, “Questo tema è un problema per l’immagine di Braunau. Vogliamo essere una bella cittadina, con il turismo ed i visitatori. Non siamo figli di Hitler.”

Salzburger-Vorstadt-Hitler-3

Photo credit: Anton-kurt / Wikimedia

Salzburger-Vorstadt-hitler-4

La casa natale di Adolf Hitler a Braunau am Inn (Austria)  circa 1934, sul tetto soffia una bandiera con la svastica.

Salzburger-Vorstadt-Hitler-5

hitler-bambino

Adolf Hitler da bambino, circa 1889/1890

Salzburger-Vorstadt-Hitler-2

Photo credit: Michael Kranewitter / Wikimedia

logtwitt@FabrizioDalCol

Fonti: Amusingplanet The Independent / BBC / Wikipedia

Advertisements