Rinascita italiana ? Solo con una nuova Costituente

di Fabrizio Dal Col

assembla-costituente

De Gasperi in Parlamento

        Lo scenario politico che sta per modificare una grande parte della politica del pianeta, oggi potrebbe diventare una grande opportunità per L’Italia. Il bel Paese, che avevamo conosciuto prima dell’euro, oggi non potrà più tornare ad essere ciò che era, se prima non deciderà di porre la parola fine alla moneta unica. Tuttavia, molto presto l’Italia non sarà l’unica a dover decidere di privarsi dell’euro, troppi sono gli stati che si sono economicamente arenati, e troppi sono quelli che si chiedeno perchè hanno accettato tale scelta.

            E’ per questa ragione che oggi occorre un fondamentale accordo tra tutti gli stati del Vecchio Continente, “un sacro accordo” che possa permettere a tutti di ricostruire le proprie origini; popolari, sociali, ed economiche. Questa Europa del “copia incolla” non potrà mai funzionare, gli stati che oggi ne fanno parte, non potrebbero mai plasmare le proprie economie su un unico modello, pena le consegueze finanziarie negative che ne deriverebbero, se tutti fossero costretti ad accettare ciò che vuole questa Europa; un unico stato unitario sovranazionale europeo. Sarebbe un colpo letale per gli stati così come li abbiamo conosciuti, la totale cancellazione delle identità popolari, la fine del suo stesso progetto iniziale dell’Europa dei popoli e delle regioni, e tutto ciò perchè le ritengono fondamentali a costituire una unità senza le volontà popolari.

         In sostanza, la crisi finanziaria ha denudato tutte le debolezze della istituzione Europea, i suoi limiti, le sue incapacità a costituirsi, tutti elementi che hanno contribuito ad indebolire gli stati membri, e che oggi rischiano un fallimento insanabile. Chi ancora crede ad una possibile Europa Unita, dovrebbe chiedersi per quale ragione è stata unificata prima la moneta, dovrebbe chiedersi il motivo per cui continua a fare forzature sugli stati, e se ancora non bastasse, è sufficiente vedere l’impoverimento del Vecchio Continente, resosi necessario per costringere gli stati ad accettare le condizioni europee.

Alla luce di ciò, l’Italia, e la stessa Francia, hanno lo stesso identico problema: sono due stati unitari, e come tali, non sono più in grado di competere se non riusciranno a riprendersi la loro moneta originale. Tuttavia, l’Italia, rispetto alla Francia, ha dalla sua un vantaggio enorme;  è meno colonizzata dai migranti, e se decidesse di rinascere veramente gli basterebbe poco. La via ? Una rinascita italiana che nasca con gli Stati Generali del Paese in Parlamento, da dove poi si adotti una nuova Costituente

logtwitt@FabrizioDalCol

Annunci