In Austria, Hallstatt è la città che ha una cappella piena zeppa di teschi umani …

Hallstatt è un comune austriaco di 757 abitanti nel distretto di Gmunden, in Alta Austria.

E sicuramente un bel luogo da visitare, storico e conosciuto molto bene dagli appassionati, che amano i borghi sui laghi.

Hallstatt_300

Il territorio ove sorge Hallstatt, isolato e inospitale, è stato uno dei primi insediamenti umani, grazie alle ricche miniere di sale che sono state utilizzate per migliaia di anni. Alcuni ritrovamenti archeologici nelle vicinanze di Hallstatt risalgono al VI millennio a.C. e nel 1846 Johann Georg Ramsauer scoprì un grande cimitero preistorico vicino all’odierno villaggio di Hallstatt. Inoltre, qui fu trovata una delle più antiche fonderie. Grazie ai commerci, e alle ricchezze che ne derivavano, si sviluppò una cultura che venne chiamata Cultura di Hallstatt.

Ma cambiare idea potrebbe anche essere naturale, soprattutto se si va al cimitero a visitare l’Ossario, un piccolo edificio ricco di i teschi e ossa di oltre 1.200 persone.

WebsitePicture-kirche-beinhaus-schaedel-grossaufnahmeNel 1700, Hallstatt si è trovata a corto di spazio per seppellire i loro morti , così la chiesa ha cominciato riesumare cadaveri per far posto a nuovi corpi.

beinhaus-hallstatt-c-ooe-tourismus_wiesenhoferLe ossa sono state strutturate e sbiancate al sole, poi accatastate insieme ad altri parenti defunti.

desktop-1469030215Dopo poco, i parenti  e le famiglie hanno iniziato una nuova pratica;  dipingere i teschi con i loro nomi e le date di morte.Li hanno inoltre verniciati con simboli di amore e di coraggio, per onorare i propri morti.

desktop-1469029384Più della metà dei teschi dell’Ossario sono decorate dai loro parenti.

Più della metà dei teschi nel Ossario sono decorate da loro parenti.

Questa pratica di accatastamento e decorazione delle ossa inizia a diminuire nel 1960, ma un nuovo cranio è stato aggiunto nel 1995. E ‘venuto da una donna il cui ultimo desiderio è stato quello di unirsi i morti nel Ossario.

Anche se l’ossario è innegabilmente spettrale, c’è una tranquilla dignità  circa i teschi e stranamente tutti i visitatori stanno in religioso silenzio.

via atlasobscura

Nel 1311 Hallstatt divenne una città mercantile, ma fino alla fine del XIX secolo era raggiungibile solo dal lago o tramite stretti sentieri. Il terreno pianeggiante compreso fra il lago e le montagne è scarso e il villaggio stesso lo occupa praticamente tutto. La prima strada per Hallstatt venne costruita nel 1890, lungo la costa occidentale del lago, a volte usando la dinamite per aprirsi un varco fra le rocce.

Il villaggio ha dato il nome alla Cultura di Hallstatt, risalente agli inizi dell’età del ferro, ed è nella lista dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO insieme al massiccio del Dachstein e alla regione di Salzkammergut. In Cina esiste una copia pressoché identica di Hallstatt realizzata da una ricca società mineraria.

logtwitt@FabrizioDalCol

Annunci