Mangalica, il maiale che assomiglia a una pecora

Mangalica o Mangalica è una rara razza di maiale di origine ungherese che ha una insolita crescita di capelli ricci sul suo corpo, molto simile a quello di una pecora. Il pelo può essere nero, o rosso, ma è più comunemente biondo.L’unica altra razza suina nota per avere un lungo cappotto è l’ormai estinto Lincolnshire Curly Coat of England. Il Mangalica è l’ultimo maiale esistente con questo insolito pelo, e dagli anni 1990 sta andando incontro alla sua estinzione, tanto che ne sono rimasti  meno di 200.

L’Allevamento del Mangalitsaera iniziato nel 1830 nell’Impero austro-ungarico dopo che l’arciduca Joseph Anton Johann, il settimo figlio dell’imperatore romano Leopoldo II, aveva ricevuto alcuni maiali Sumadija da un principe serbo, incrociati con maiali Bakony e Szalonta, Il Mangalitsa risultante sfoggiavano il pelo riccio e erano inclini a mettere su molto peso. Inizialmente il maiale è stato riservato per l’Asburgo Free, ma a causa del suo grande gusto è diventato così popolare che entro la fine del 19 ° secolo era la razza principale in Europa.

Il maiale con il pelo riccio

Il maiale con il pelo riccio

Photo credit

Il Mangalitsa non richiede cure particolari e ha una buona capacità di ingrasso. Infatti, il Mangalitsa è uno dei suini più grassi nel mondo, con grasso pari al 65% – ​​70% del suo peso corporeo. La sua carne è considerata tra le più gustose di tutti i maiali del mondo. La carne del maiale Mangalica è rossastra, altamente marmorizzata con crema di grasso bianco, ed è ad alto contenuto di acidi grassi omega-3 e antiossidanti naturali. Ciò è dovuto alla dieta naturale di foraggio, frumento, mais e orzo. Il lardo del Mangalica  è più leggero, e fonde a una temperatura più bassa, rispetto al lardo di altri suini, perché contiene grassi insaturi.

Dall’inizio del 19 ° secolo fino al 1950 è stato la più popolare razza suina in Ungheria. Il grasso, la pancetta e i suoi salumi sono stati richiesti nei prodotti del mercato europeo. Il lardo di Mangalica è stato utilizzato anche come grasso di cottura, e nella produzione di candele, saponi e cosmetici. Questa era la prima volta dell’introduzione oli vegetali. Anche i lubrificanti industriali e gli esplosivi sono stati prodotti da questo prezioso grasso.

Il tipo di lardo di maiale è caduto in disgrazia a metà del 20 ° secolo, quando le persone hanno imparato che i grassi saturi erano pericolosi per la salute. La razza si riduceva rapidamente ed è stato sostituito con razze più magre e più rapide alla crescita, con più carne e meno grassi. Entro la fine del 1970 i maiali Mangalica in Austria si potevano trovare solo nei parchi nazionali e zoo, e meno di 200 scrofe sono rimaste in Ungheria.

Ma nell’interesse metà 1980 per la razza Mangalica è stato rinnovato nel 1994, L’ Associazione Nazionale l’ungherese Allevatori del maiale Mangalica è stata istituita per proteggere la razza. Nel corso dei prossimi 20 anni, la tradizionale salsiccia di Mangalica con paprika dolce è diventata di nuovo disponibile nei mercati ungheresi. Oggi ci sono più di 8.000 scrofe da riproduzione in Ungheria la produzione di 60.000 animali ogni anno. Questo rende ancora una razza molto particolare e limitata, ma ben fuori dalla zona di pericolo per l’estinzione.

Mangalica-8

Photo credit

Mangalica-1

Photo credit

Mangalica-2

Photo credit

Mangalica-4

Photo credit

Mangalica-5

Photo credit

Mangalica-6

Photo credit

Mangalica-7

Photo credit

Fonti: AmisingPlanet  Wikipedia / D’Artagnan / Mangalitsa Pure

logtwitt@FabrizioDalCol

Advertisements