In Bulgaria, la Fortezza Belogradchik

Situata sul versante nord dei Monti Balcani, nei pressi della città bulgara nord-occidentale di Belogradchik, c’è la Fortezza Belogradchik, nota anche come Rocca Kaleto. Il forte si trova sulla base di una spettacolare formazione rocciosa appartenente al massiccio Belogradchik, che consiste di arenarie e conglomerati a forma strana, una formazione rocciosa che si pensa assomigli a forme di persone o oggetti. Alcune delle rocce raggiungono fino a 200 metri di altezza. Quelli che servono da sfondo alla fortezza sono alte 70 metri.

Un forte esisteva qui fin dai tempi dei romani. Dal 1 ° al 3 ° secolo dC, i Romani costruirono strade attraverso le nuove province dell’impero della penisola balcanica, così come alcune fortezze che avevano il compito di osservare e difendere. La missione di Belogradchik Fortress era quella di controllare la strada. Hanno costruito la parte più alta della fortezza, conosciuta come la Cittadella, con le rocce come protezione naturale. Le mura furono costruite solo sul nord-ovest e sud-est dei lati, con il resto attorno al cortile per essere circondata da rocce.

Belogradchik-fortezza-5

Photo credit: Klearchos Kapoutsis / Flickr

Nel corso dei secoli, Belogradchik Fortress è stata utilizzata da una successione di diverse forze, tra cui i Bizantini. Nel 14 ° secolo, lo zar bulgaro di Vidin Ivan Stratsimir, ha esteso la vecchia fortezza, con la costruzione di presidi fortificati prima dei massicci rocciosi esistenti. Il forte divenne una delle roccaforti più importanti della regione. Alla fine di questo secolo, Belogradchik Fortress è stata catturato dagli ottomani, che ampliò ulteriormente e la usò per reprimere insurrezioni locali.

Belogradchik Fortress ha continuato ad essere utilizzata per scopi militari e di difesa fino al 19 ° secolo. Nel 1850, la Fortezza Belogradchik ha svolto un ruolo importante nella soppressione della rivolta ottomana a  Belogradchik, essendo il luogo in cui sono stati eseguite decapitazione degli attivisti catturati. Il forte è stato usato per ultimo nella guerra durante la guerra serbo-bulgara nel 1885.

La Fortezza Belogradchik è oggi una delle roccaforti meglio conservate in Bulgaria, e insieme alle Rocce Belogradchik, è la primaria attrazione turistica culturale e storica della città.

Belogradchik-fortezza-1

Photo credit: Tihomir E. Mladenov / Panoramio

Belogradchik-fortezza-2

Photo credit: elena Stefanova / Panoramio

Belogradchik-fortezza-3

Photo credit: Klearchos Kapoutsis / Flickr

Belogradchik-fortezza-4

Photo credit: Klearchos Kapoutsis / Flickr

Belogradchik-fortezza-6

Photo credit: Alex Lovell-Troy / Flickr

Belogradchik-fortezza-8

Photo credit: Elena Chochkova / Wikimedia

Belogradchik-fortezza-9

Photo credit: Athena Lao / Flickr

logtwitt@FabrizioDalCol

Fonti: AmusingPlanet Wikipedia / www.historvius.com / Lonely Planet

Annunci