In Libia, i laghi di Ubari in un mare di sabbia

Il laghi di Ubari è una vasta area di imponenti dune di sabbia nella regione del Fezzan nel sud-ovest della Libia. Ma 200.000 anni fa, questa era una zona umida e fertile con un sacco di pioggia e fiumi. Questi fiumi erano alimentati da un vasto lago, della dimensione equivalente alla Repubblica ceca, nel bacino del Fezzan chiamato lago Megafezzan. Durante i periodi umidi il lago ha raggiunto una dimensione massima di 120.000 chilometri quadrati. Il cambiamento climatico ha causato, nella regione, in una parte del Sahara, il prosciugamento graduale, e tra i 3.000 e 5.000 anni fa, il lago era evaporato via nel nulla. Esistono ancora tracce di questo grande lago oggi in forma di micro laghi sparsi tra le dune altissime come patch umide nel deserto. Attualmente ci sono circa 20 laghi nel mare di sabbia Ubari – belle oasi di palme che appaiono come anomalie nell’ambiente desertico duro.

Ubari-laghi-2

Oum al-Maa Lake, Ubari Sand Sea. Photo credit: sconosciuto

Tra i più pittoreschi dei laghi ci sono Gaberoun e Umm al-Maa (Madre di acqua). Situato oltre le rovine del vecchio borgo, Gaberoun è quella per lo più turisti visitano. C’è un campo turistico rudimentale sulla costa, tra cui un patio aperto, capanne per dormire, e un negozio di souvenir. Ci sono altri due splendidi laghi – Umm al-H’isan (la madre del cavallo), anche farro come Oum El Hassan, situato a nord di Gaberoun; e un altro a Tarhouna, a circa 11 km da Umm al-H’isan. Sono, tuttavia, raramente visitati dai turisti.

I laghi di Ubari sono molto salati. Ciò è dovuto al fatto che questi laghi sono in continua evaporazione e non hanno fiumi per il loro reintegro (Libia non ha fiumi perenni che persistono per tutto l’anno). Questo ha causato lo scioglimento dei minerali nelle acque del lago. Alcuni di questi laghi sono quasi cinque volte più salati dell’acqua di mare. Alcuni prendono il il colore rosso sangue per la presenza di alghe sale-tolleranti.

Anche se i Laghi di Ubari non sono esattamente superficiali, vanno da 7 a 32 metri di profondità, che sono a rischio di essiccazione. Le acque di falde acquifere sotterranee del Sahara, che sono stati depositate decine di migliaia di anni fa, in tempi molto più umidi, è limitata e questo è già in calo, grazie al crescente utilizzo di acqua falda da una crescente popolazione umana. Circa tre anni fa, il governo libico ha intrapreso un ambizioso progetto chiamato Grande fiume artificiale, finalizzato a disegnare acqua dalle falde acquifere sotto la regione del Fezzan attraverso una rete di tubi sotterranei per far fiorire il deserto. Il progetto, in caso di successo, si scaricherà questi enormi riserve di acqua dolce in appena 50 a 100 anni.

Ubari-laghi-1

Oum al-Maa Lake. Photo credit

Ubari-laghi-4

Oum al-Maa Lake. Photo credit: George Steinmetz

Ubari-laghi-5

Oum al-Maa Lake. Photo credit

Ubari-laghi-6

Oum al-Maa Lake. Photo credit

Ubari-laghi-7

Oum al-Maa Lake. Photo credit

Ubari-laghi-3

Mandara lago, Libia. Photo credit

Ubari-laghi-9

Photo credit

Ubari-laghi-10

Gaberoun Lake. Photo credit

Ubari-laghi-11

Gaberoun Lake. Photo credit

Ubari-laghi-12

Gaberoun Lake. Photo credit

logtwitt@FabrizioDalCol

Fonti: AmusingPlanet Nat Geo / Temehu / Webecoist / Libya Herald

Advertisements